I decreti legislativi di attuazione della III direttiva in materia di antiriciclaggio ed antiterrorismo nell'attività notarile - Prefazione

Il Convegno [nota *] promosso dal Consiglio Notarile di Firenze è stata la prima iniziativa di tal genere in ambito strettamente notarile, dopo l'entrata in vigore del D.l. 231/2007.

Le relazioni qui pubblicate costituiscono nell'insieme una ricognizione organica della materia; quelle tenute dai notai rappresentano un corpo di studi che, unitamente ai materiali già pubblicati nella RUN e nel sito pubblico del Notariato, ne danno una approfondita interpretazione.

Tale interpretazione vale innanzitutto a fornire ai singoli notai, chiamati nella loro attività quotidiana a misurarsi con un sistema complesso e delicato, strumenti adeguati per far fronte ai compiti che la normativa pone a carico dei notai: anche in questo caso il notaio è chiamato dall'ordinamento a presidiare un interesse generale di grande rilievo.

Tale compito il Notariato ha già svolto con serietà (dai notai sono venute la maggior parte delle segnalazioni all'Uic); dal Notariato è venuto, per generale riconoscimento, un contributo significativo alla miglior definizione della normativa; dal Notariato viene la costante sottolineatura dell'esigenza di evitare ogni possibile deriva burocratica della applicazione della normativa.

L'interpretazione notarile della normativa antiriciclaggio ambisce anche ad intervenire efficacemente e positivamente nell'opera di completamento del sistema che competerà alla Commissione ministeriale e ai Ministeri dell'economia e della giustizia attraverso la definizione del testo unico e dai diversi provvedimenti applicativi.

Tali provvedimenti hanno grandissima importanza al fine di garantire la effettiva funzionalità del sistema e, in tale quadro a definire gli obblighi per gli ordini professionali, per i singoli professionisti e per i notai in particolare, e le modalità relative in termini congruenti con le specificità delle diverse professioni in modo che ciascuno sia chiamato a fare ciò che sa e può fare.

Gli atti del Convegno riportano gli interventi del dottor Vigna, del professor Fisicaro, del Maggiore Campana, del dottor Maresca che hanno portato preziosi contributi per la miglior conoscenza della normativa e dei ruoli delle diverse istituzioni che sono variamente impegnate ad attuarla; il Convegno è stato quindi momento rilevante di una interlocuzione che il Notariato ha perseguito e perseguirà e, credo di poter dire, anche un segno non solo dell'interesse che da tali protagonisti istituzionali viene per la qualità culturale della interpretazione notarile ma anche di riconoscimento dell'attitudine positiva con la quale il Notariato si è posto di fronte al tema della attuazione delle normative di contrasto al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo.

Bruno Barzellotti

Notaio in Brescia

Consiglio Nazionale del Notariato


[nota *] I decreti legislativi di attuazione della III direttiva in materia di antiriciclaggio ed antiterrorismo nell’attività notarile, Firenze, 26 Gennaio 2008

PUBBLICAZIONE
» Indice
» Approfondimenti
ARTICOLO
» Note